Warp

DAIRE CHEMICALS srl
WILL BE PRESENT  MECSPE 2019
FIERA PARMA 28/30 MARCH / 2019
AT THE PAD. 06 F 29

From 18 editions MECSPE is the biggest appointment
dedicated to innovations  for the manufacturing industry

Daire Chemicals Srl

Daire Chemicals – spiega Stefano Urbinati, responsabile sviluppo prodotti – opera dal 1982 nella commercializzazione di tecnopolimeri di importanti case chimiche internazionali, leader nel loro settore, con un'ampia gamma di prodotti nei comparti automotive, alimentare, elettrico, elettronico, industriale e chimico. I principali marchi che l'azienda rappresenta sono: Trinseo (divisione API SpA), Asahi Kasei, Arkema, Chang Chun Plastics, Domo, DIC, Gharda, RTP e Samyang.

PRODOTTO/ATTIVITÀ

Tra i prodotti dei principali marchi che Daire rappresenta, Trinseo-divisione API SpA offre gomme termoplastiche su base TPE-MEGOL, TPV TIVILON, TPU APILON 52. Asahi Kasei è invece un produttore giapponese di POM OMO TENAC e POM COPO TENAC-C (sono disponibili anche i gradi TENAC Z, a bassa emissione di formaldeide e a elevate prestazioni meccaniche, come i TENAC C HC). Asahi, poi, è un produttore integrato di PA 66 con il marchio Leona. Un'altra casa rappresentata è Arkema, produttore integrato di poliammidi a lunga catena su base PA11 RILSAN, PA12 RILSAMID, PEBAX elastomerizzata e RILSAN CLEAR trasparente. Chang Chun Plastics è invece un produttore integrato di PBT con un'ampia gamma di gradi, mentre Domo è un produttore integrato di PA 6, con diversi gradi specifici per il mondo automotive. DIC è il primo produttore al mondo di PPS, usato in applicazioni per alte temperature e stabilità dimensionale con gradi anche omologati per contatto acqua potabile e contatto alimentare. Gharda produce compound a base PEK per applicazioni con elevate temperature, resistenza all’abrasione e frizione e per applicazioni nei settori oil&gas e chimico. Infine, RTP realizza compound speciali su ogni polimero, mentre Samyang produce PC, PBT, PET e relativi blends.

 

discover more

Warp

DAIRE CHEMICALS srl
È STATO ALLA FIERA PLAST 2018

FIERA MILANO 29 MAGGIO / 2018
AL PAD. 09 C 152

Materiali per elevate prestazioni

Daire Chemicals presenta diverse novità nell’ambito degli engineering polymers in grado di soddisfare esigenze di metal replacement e di alte resistenze termiche. ASAHI KASEI produce il LEONA 90G®, una PA 66 semi aromatica con gradi fibra vetro (fino al 60%) con alti moduli a flessione e con un coefficiente di dilatazione termica lineare come l’acciaio e il ferro. Il LEONA 90G® è estetico anche con alte percentuali di vetro. RTP Company realizza compounds strutturali rinforzati fibra vetro lunga e fibra carbonio. I prodotti con la fibra vetro lunga sono un ottimo compromesso tra rigidità e resilienza, quelli fibra carbonio sono indicati per prestazioni ad alto modulo. I PP caricati fibra lunga possono essere anche una valida alternativa alle PA 6-PA66 fibra vetro, soprattutto per applicazioni ove non sono richieste alte temperature d’esercizio. I PP FVL garantiscono, ritiri simili, nessun assorbimento di umidità, minori pesi specifici, pari meccaniche ed una maggiore resistenza agli urti. I compounds RTP fibra vetro lunga su base PA 66, invece garantiscono elevati moduli, alta resilienza e resistenza alla fatica. RTP ha anche una gamma prodotti per alte temperature con soluzioni alternative anche al PEI. Per soddisfare sia l’esigenze meccaniche che di resistenza alle alte temperature proponiamo i prodotti della DIC e della GHARDA. La giapponese DIC, primo produttore integrato al mondo di PPS in versione lineare e reticolata garantisce temperature d’esercizio in continuo fino a 200°C con un’ampia gamma di prodotti, non caricati, tenacizzati e rinforzati con fibra vetro, vetro/minerale, per applicazioni in diversi settori, automotive, elettronico e anche per contatto alimentare ed acqua. Per esigenze termiche in continuo nel range 280-300°C suggeriamo i tecnopolimeri PEK-GPAEK®, PEKK-GAPEKK® e blend PBI-PEK GAZOLE® di GHARDA CHEMICALS., Garantiscono alte prestazioni meccaniche, termiche, chimiche e tribologiche, con gradi da stampaggio a iniezione, estrusione e gradi in polvere per lo stampaggio a compressione.

discover more

Warp

La nostra partecipazione allo Smart Plastics 2018

‘SMART PLASTICS’ è l’evento organizzato dalle riviste Plast Design e Plastinteramente dedicato ai materiali polimerici ad alte prestazioni. Nella nuova e prestigiosa location, il Museo Alfa Romeo di Arese, la formula di ‘SMART PLASTICS’, giunto alla sua VI edizione, si presenta aperta’ e ‘interconnessa’: nel cuore dell’aria espositiva si terrà, in parallelo, un programma di relazioni sullo stato dell’arte dei tecnopolimeri e dei compositi, delle loro applicazioni e delle tecnologie di progettazione e lavorazione.

 

discover more

CONDUCIBILITA' TERMICA E/O ELETTRICA: Compounds Conduttivi della RTP Co. Questi composti sono ottenuti addizionando uno o più additivi conduttivi per soddisfare le esigenze di schermatura ESD (Electrostatic discharge) o EMI/RFI (Electromagnetic Interference – Radio Frequency Interference).

La gamma comprende quindi proprietà antistatiche permanenti o semi-permanenti, dissipative, conduttive ed altamente conduttive (in grado di rispondere appieno alla normativa “Atex”), anche in versioni pre-colorate. Fanno parte della famiglia anche i prodotti conduttivi termici che esprimono la loro capacità di dissipare il calore in W/mK.

RESISTENZA ALLA FRIZIONE E ALL'USURA: Compound lubrificati della RTP Co. Utilizzando prodotti lubrificanti con i composti strutturali si può migliorare sensibilmente la resistenza all’abrasione ed il coefficiente di attrito anche in materiali già dotati di buona resistenza all’usura.Gli additivi impiegati comprendono il politetrafluoruro di etilene (PTFE, Teflon), il bisolfuro di molibdeno (MoS2), il perfluoro-polietere (PFPE), la grafite in polvere, i fluidi siliconici, la fibra di vetro, la fibra di carbonio, la fibra aramidica.RTP ha da poco sviluppato, sempre per il campo dei lubrificati, una nuova serie di prodotti chiamati A.P.W.A. (All Polymeric Wear Additive) su base polimerica che conferiscono benefici quali basso coefficiente d’attrito (soprattutto per le applicazioni plastica su plastica) lasciando inalterate le caratteristiche fisico-meccaniche della resina nella quale vengono addizionati.

FLESSIBILITA' E RESISTENZA TERMICA: Rilsan HT (PPA da fonti rinnovabili) della ARKEMA. Il Rilsan HT è la prima poliftalammide flessibile al mondo. Le sue incredibili caratteristiche fisico-meccaniche la rendono un’eccellente candidata per il “metal replacement” di tubi flessibili per applicazioni nel mondo auto od industriali in genere. Il Rilsan HT presenta inoltre altre caratteristiche interessanti quali: alta resistenza termica (picchi fino a 175 °C), bassa densità, basso assorbimento d’umidità (rispetto alle PPA classiche), ottima resistenza chimica ed alla termo-ossidazione ad alte temperature, eccezionale stabilità dimensionale e facilità di processo. Inoltre tutte queste poliammidi sono “biobased” ossia derivate da fonte rinnovabile.

CONDUCIBILITA' TERMICA E/O ELETTRICA: Compounds Conduttivi della RTP Co. Questi composti sono ottenuti addizionando uno o più additivi conduttivi per soddisfare le esigenze di schermatura ESD (Electrostatic discharge) o EMI/RFI (Electromagnetic Interference – Radio Frequency Interference). La gamma comprende quindi proprietà antistatiche permanenti o semi-permanenti, dissipative, conduttive ed altamente conduttive (in grado di rispondere appieno alla normativa “Atex”), anche in versioni pre-colorate. Fanno parte della famiglia anche i prodotti conduttivi termici che esprimono la loro capacità di dissipare il calore in W/mK.

RESISTENZA ALLA FRIZIONE E ALL'USURA: Compound lubrificati della RTP Co. Utilizzando prodotti lubrificanti con i composti strutturali si può migliorare sensibilmente la resistenza all’abrasione ed il coefficiente di attrito anche in materiali già dotati di buona resistenza all’usura. Gli additivi impiegati comprendono il politetrafluoruro di etilene (PTFE, Teflon), il bisolfuro di molibdeno (MoS2), il perfluoro-polietere (PFPE), la grafite in polvere, i fluidi siliconici, la fibra di vetro, la fibra di carbonio, la fibra aramidica.
RTP ha da poco sviluppato, sempre per il campo dei lubrificati, una nuova serie di prodotti chiamati A.P.W.A. (All Polymeric Wear Additive) su base polimerica che conferiscono benefici quali basso coefficiente d’attrito (soprattutto per le applicazioni plastica su plastica) lasciando inalterate le caratteristiche fisico-meccaniche della resina nella quale vengono addizionati.

discover more

Warp

DAIRE CHEMICALS DISTRIBUISCE IL PVDF KYNAR® DELLA ARKEMA

La DAIRE CHEMICALS S.p.A, ha di recente stretto un rapporto commerciale con l’ARKEMA, primo produttore mondiale di PVDF(POLIFLUORURO DI VINILIDENE), per la distribuzione su tutto il territorio italiano del prodotto KYNAR® e KYNAR FLEX®. Il PVDF omopolimero KynarÒpresenta un insieme di caratteristiche particolarmente vantaggiose come una notevole inerzia chimica con la maggior parte degli acidi organici ed inorganici, fluidi ossidanti, idrocarburi alifatici ed aromatici, alcoli e solventi alogenati, oltre a buone proprietà meccaniche tanto in trazione che in flessione, a un’eccellente resistenza all’abrasione, a un’ottima resistenza all’invecchiamento, a una resistenza alla fiamma intrinseca ed a buone caratteristiche elettriche. Inoltre un grande numero  di gradi di KynarÒsono approvati per il contatto con alimenti ed acqua ed idonei per applicazioni medicali secondo la normativa Pharmacopeia Classification VI (USP Class 6).

La gamma completa KYNAR® è così composta:
Gradi Standard iniezione, Kynar®720 e Kynar®9000 HD*
Gradi Standard estrusione, Kynar®740 e Kynar®1000 HD*
Grado a viscosità intermedia la cui sigla è Kynar®4000 HD*
La serie HD indica prodotti con un aspetto estetico più bianco.
Il PVDF copolimero Kynar FlexÒoltre a mantenere le caratteristiche intrinseche tipiche del PVDF omopolimero Kynar®, presente una flessibilità maggiore, proprietà che lo rende il prodotto idoneo laddove siano richieste capacità di adattamento del manufatto finito ad ingombri geometrici complessi.
Una delle applicazioni dove il Kynar Flex®trova maggior utilizzo è nel rivestimento di cavi speciali ad uso elettrico/elettronico.
La gamma dei KYNAR Flex® è molto più ampia e comprende le seguenti formulazioni:
Grado standard da iniezione, Kynar Flex®2750-01
Gradi standard da estrusione, Kynar Flex®serie 2800
Gradi con elevata stabilità termica, Kynar Flex®serie 2850 (150 °C in continuo)
Gradi con elevata flessibilità Kynar Flex®serie 3120 (150 °C in continuo)
Grado con elevata flessibilità/trasparente Kynar Flex®2500-20
Grado da rotomolding Kynar Flex®3200 RG

discover more

Warp

Compounds RTP con fibra vetro lunga

RTP Company, azienda americana leader nel mondo del compound tecnico, ha all’interno della sua ampia gamma di prodotti anche le resine termoplastiche strutturali, rinforzate con fibra di vetro lunga.

Questa famiglia di prodotti è un’eccellente alternativa ai metalli in quelle applicazione dove sia richiesta forza tensile, alta resistenza all’impatto, stabilità dimensionale ed alti moduli.

I compounds rinforzati con la fibra lunga offrono enormi vantaggi meccanici rispetto ai tradizionali termoplastici soprattutto per quel che riguarda la rigidità, la forza tensile ed altre proprietà quali per esempio la resistenza ai picchi di temperatura.

Questi compounds speciali danno totale libertà di progettazione del pezzo e possono essere tranquillamente stampati ad iniezione, caratteristica fondamentale per lo sviluppo di parti ad elevata complessità geometrica.

RTP è in grado di personalizzare con la tecnologia delle fibre lunghe (inserite attraverso il processo di pultrusione) tutte le resine termoplastiche (dalle commodities ai super-tecnopolimeri) abbinandole ad altre “specializzazioni” quali colorazioni a campione, lubrificazioni, conducibilità ed autoestinguenza. 

L’intera gamma di prodotti della RTP Company sono distribuiti in esclusiva per tutto il territorio nazionale dalla Daire Chemicals SpA 

Warp

discover more

Warp

Le prestazioni dei nuovi articoli sportivi e dei piccoli elettrodomestici hanno un comune denominatore: tecnopolimeri specializzati per fornire valore aggiunto al prodotto.

IN CASA E ALL’APERTO

Nel corso della sua storia, Daire Chemicals ha sviluppato diverse applicazioni destinate ai settori dello sport e degli elettrodomestici. Pur trattandosi di comparti molto differenti, entrambi hanno richieste esigenti e specializzate, che vanno soddisfatte con materie prime capaci di rispondere in modo efficace e specificamente efficiente. Con l’obiettivo di fornire al cliente il materiale più adatto alle sue esigenze, Daire Chemicals propone un’ampia gamma di materiali, supportandone la scelta con la propria competenza e l’esperienza maturata in 36 anni di attività.

CAMPIONI IN TUTTI I CAMPI 

“Una delle prima importanti applicazioni sviluppate per il mondo dello sport è stata nel settore subacqueo, - ricorda Stefano Urbinati, responsabile sviluppo prodotti di Daire Chemicals - dove abbiamo formulato ad hoc una ricetta di un elastomero termoplastico in grado di aderire chimicamente sul polipropilene. Ciò consentì l’adesione della pala di una pinna sulla scarpetta, sostituendo le gomme vulcanizzate usate precedentemente. Erano i primi anni ’90 e grazie a questa nostra ricetta, entrammo in contatto con API (oggi Trinseo), con la quale abbiamo seguito in modo fattivo il mercato della subacquea, localizzato principalmente nell’area attorno a Genova. Oggi, purtroppo, quel mondo ha delocalizzato molto la produzione, ma è rimasta nel nostro DNA l’esperienza accumulata in tale settore che abbiamo saputo trasferire anche in altri comparti. Attualmente, abbiamo una interessante gamma di prodotti in distribuzione che ci consente di seguire in maniera efficace il mercato degli articoli sportivi. I principali prodotti impiegati sono i materiali morbidi di Trinseo, con gomme su base TPE-S Megol, TPU Apilon 52 utilizzate ad esempio per impugnature di bastoncini da sci, pinne, maschere e attrezzature da sub, gommini per astine e naselli di occhiali sportivi, suole per scarpe sportive. Nell’ambito delle gomme, possiamo poi innalzare le proprietà di resistenza al freddo, leggerezza e proprietà meccaniche con il TPA – Pebax di Arkema. È un prodotto usato nelle suole delle scarpe sportive che però trova impiego anche nell’imbottitura delle selle per bicicletta.  Arkema produce inoltre le poliammidi amorfe trasparenti a marchio Rilsan Clear, impiegate nella produzione di montature e lenti per occhiali sportivi e maschere da sci. Questo per quanto riguarda ciò che richiede morbidezza, leggerezza e resistenza agli urti. Le nuove richieste nell’ambito sport riguardano, tuttavia, anche materiali rigidi, super performanti e leggeri, per il metal replacement di parti strutturali in componenti per bici, sci, snowboard. Siamo quindi in grado di soddisfare queste esigenze con i compound rinforzati con fibra di carbonio, fibre di vetro lunghe e lubrificati di RTP Company. Parliamo, per esempio, di attacchi da sci, parti di telai di biciclette, leve per il freno e molto altro. Poi abbiamo i prodotti a base policarbonato e PC ABS della Samyang per la produzione di caschi da sci, snowboard, parapendio etc, con delle prestazioni di resistenza all’urto superiori ai classici caschi in ABS. Non va dimenticato, poi, che il mondo dello sport vuol dire anche “moda”: a chi ci richiede effetti speciali, quali colori metalizzati, fluorescenti, glow in the dark, siamo in grado di rispondere con i compound ‘ad effetto speciale’ della RTP”.

ELETTRODOMESTICI DENTRO E FUORI

“Le applicazioni per il settore dei piccoli elettrodomestici – prosegue Urbinati - possono richiedere materie prime molto diverse a seconda che siano destinate ai componenti esterni o interni. La carozzeria di una macchina da caffè, per esempio, deve essere bella, realizzata con materiali estetici, con colori che attraggono il cliente. Quindi suggeriamo l’uso di leghe a base di ABS, PC-ABS, oppure con effetto metallo o cromato. Se nell’elettrodomestico da cucina sono presenti parti trasparenti, previste per lasciar vedere il livello dell’acqua o dell’alimento contenuto, ci si trova di fronte a due esigenze: innanzitutto la materia plastica deve essere adatta al contatto con gli alimenti e, in certi applicazioni, deve essere anche esente da bisfenoli. In tale caso, utilizziamo i prodotti Rilsan Clear di Arkema omologati per il contatto con gli alimenti e privi di bisegolo. Per quanto riguarda, invece, l’interno dell’elettrodomestico, la materia plastica è chiamata a soddisfare varie sfide. Le principali riguardano le proprietà meccaniche di rigidità e di resilienza, prestazioni termiche con temperature di picco che possono raggiungere anche i 100°C, proprietà chimiche per il contatto con gli alimenti (come il caffè che è molto aggressivo), organolettiche, per non influire negativamente sul gusto dell’alimento, pertanto occorre scegliere materiali il più possibile “puri”.  Recentemente, siamo stati coinvolti nella realizzazione del componente buca cialda per una macchina del caffè e per i dispenser delle macchine per i gelati.  Per questo pezzo i principali produttori usano il PEEK, lo stesso materiale usato, per esempio, nel settore aereospaziale. Noi proponiamo il PEK della Gharda, che rispetto al PEEK garantisce una resistenza alle temperature in continuo maggiore.Per i raccordi dell’acqua e della bevanda, invece, suggeriamo di ricorre al PVDF Kynar di Arkema. Il polivinilidenfluoruro è uno dei polimeri più puri ed è omologato per il contatto con alimenti e acqua. Infine, abbiamo realizzato parti interne strutturali di telai per macchine del caffè con i compound caricati con fibra di vetro lunga della RTP, omologati per il contatto con gli alimenti. Non ultimo esempio, abbiamo realizzato ingranaggi, coclee per macchine spremi pomodori o frutta, utilizzando le resine acetaliche Tenac C copolimero di Asahi Kasei approvato secondo gli standard FDA “.

discover more

Warp

Tecnopolimeri ad alte prestazioni, specializzati per risolvere specifici problemi applicativi ed evolvere i prodotti ad un livello qualitativamente superiore.

ALLA GUIDA DELL’INNOVAZIONE

Da sempre precursore delle novità applicative, il settore automotive ha contribuito, con lo sviluppo di soluzioni capaci di rispondere alle proprie esigenze, a incentivare la ricerca di nuovi materiali a più elevate prestazioni, fruibili poi anche da parte di altri comparti.  In particolare, la tendenza ad alleggerire i veicoli per ridurre le emissioni di CO2 e i consumi di carburante ha focalizzato i produttori di auto a ripensare i diversi componenti per realizzarli in materia plastica, più leggera del metallo, senza scendere a compromessi in termini di qualità e performance. Con l’obiettivo di fornire al cliente il polimero meglio rispondente alle sue specifiche esigenze, DAIRE Chemicals è particolarmente attenta all’evoluzione delle richieste del mercato e propone un’ampia gamma di materiali, supportandone la scelta con la propria competenza tecnica. “Nell’ambito di una generalizzata ricerca di alleggerimento, - spiega Stefano Urbinati, responsabile sviluppo prodotti di Daire Chemicals – il settore automotive ha evidenziato in questi ultimi anni alcune esigenze specifiche. Tra queste emerge una crescente richiesta di materiali in grado di fornire elevati risultati estetici, di polimeri che riducano la rumorosità tra componenti, di materiali caratterizzati da maggiore resistenza all’invecchiamento, agli agenti atmosferici e ai raggi UV. Nel campo delle applicazioni sottocofano o per gli ambienti critici, aumenta la necessità di disporre di tecnopolimeri capaci di resistere a temperature ancora più elevate. Spesso, poi, tali esigenze sono abbinate: ad esempio, un pezzo deve fornire resistenza strutturale, stabilità dimensionale e finitura estetica. 

MERCATO 

Per ciascun obiettivo applicativo proponiamo i polimeri più adatti a fornire il mix più vantaggioso tra performance, produttività e costi”.

IL ‘BELLO’ DEL RISPARMIO

“L’aspetto estetico – prosegue Urbinati - è uno dei fattori chiave per il settore automotive. Per ridurre i costi relativi alle operazioni di finitura, eliminare la fase di verniciatura dal processo produttivo ed evitare l’emissione di sostanze dannose per l’ambiente, sono sempre più ricercati i materiali che conferiscono ai pezzi stampati a iniezione un effetto metallizzato. Noi proponiamo polimeri a base policarbonato, ABS o PC/ABS, impiegati per realizzare ghiere, cornici, parti per il cruscotto o per la zona volante, ma anche per produrre componenti esterni”.

SILENZIO: SI VIAGGIA

“Per quanto riguarda i componenti presenti nella plancia dell’auto o dei mezzi pesanti, RTP ha sviluppato materiali molto particolari, capaci di ridurre il cosiddetto ‘squeak’, ossia quei fastidiosi rumorini causati dall’attrito tra le varie parti in materia plastica e non. Questi polimeri – puntualizza Urbinati - sono pronti all’uso per lo stampaggio a iniezione e sono additivati con cariche che evitano l’emissione di tali scricchiolii. Inoltre, sono materiali dotati di una efficace resistenza meccanica, di stabilità dimensionale e, poiché solitamente sono a base di ABS, forniscono anche notevoli risultati estetici: un aspetto tutt’altro che secondario quando si tratta di componenti per gli interni auto”.

I PIÙ ‘CALDI’

“I motori degli ultimi modelli di auto sono sempre più compatti e potenti. Questo – sottolinea Urbinati - significa per i produttori l’esigenza di trovare materiali in grado di resistere a temperature sempre più elevate, ovviamente senza trascurare la necessità di contenere il peso dei componenti. In risposta a tali richieste proponiamo una serie di tecnopolimeri ad alte prestazioni. Le resine della DIC, a base di PPS, sono capaci di sopportare temperature oltre i 200°C in continuo, sono caratterizzate da autoestinguenza intrinseca, un’efficiente stabilità dimensionale, caratteristiche meccaniche molto elevate e da una resistenza chimica ad un ampio spettro di sostanze. I G-PAEK (PEK) di Gharda, con una temperatura di transizione vetrosa di 152°C, una temperatura di fusione di 352°C e una temperatura di utilizzo in continuo di 280°C, forniscono prestazioni ad alte temperature superiori rispetto al PEEK, mantenendo e spesso migliorando le caratteristiche fisiche, meccaniche e di resistenza chimica. Tra i prodotti che distribuiamo si trovano inoltre materiali come i compound lubrificati della RTP che combinano la resistenza termica alla resistenza a usura e frizione. Questi materiali possono essere usati per fabbricare ingranaggi, leveraggi, componenti soggetti a sfregamenti, anche per aree vicine al motore o dove la temperatura diventa più elevata”.

RICETTE ANTIETÀ

“Quando è necessario fornire ai pezzi una maggiore capacità di resistere agli agenti atmosferici, ai raggi UV senza ingiallire o mostrare segni di invecchiamento, è possibile ricorrere a formulazioni specifiche. RTP ha messo a punto una serie di poli

propileni rinforzati con fibre di vetro lunghe o additivati con stabilizzanti agli UV che possono essere utilizzati in alternativa alle poliammidi. Oltre a garantire efficaci prestazioni in termini di resistenza all’invecchiamento, questi materiali forniscono anche una riduzione del peso specifico. Rispetto alle PA, infatti, il loro peso specifico è inferiore di circa il 10%, inoltre hanno un costo leggermente più basso. 

Queste classi di PP caricati con fibre di vetro lunghe – conclude Stefano Urbinati - sono state omologate come resistenti all’invecchiamento secondo gli standard americani, essendo RTP un’azienda statunitense, ma sono già in fase di armonizzazione rispetto alle normative italiane ed europee”.

PP AD ALTA SPECIALIZZAZIONE

Nell’ambito della propria gamma di compound, RTP ha sviluppato alcuni PP in grado di rimpiazzare efficacemente altri materiali più costosi. I compound di polipropilene a fibre molto lunghe (VLFPP) presentano un vantaggioso rapporto prestazioni/prezzo e un peso specifico inferiore, pertanto forniscono un’interessante alternativa a compound caricati come il nylon 6 e 6/6 rinforzati con fibra di vetro. Inoltre, il PP mantiene le proprie caratteristiche inalterate anche in presenza di un alto tasso di umidità (50%) e la sua bassa permeabilità fornisce una resistenza chimica superiore a quella delle PA. Non ultimo, i VLFPP possono essere lavorati a temperature e pressioni inferiori rispetto al nylon caricato con fibra di vetro, non richiedono essiccatura e hanno tempi ciclo più brevi: il che si traduce in un risparmio di energia e costi di produzione. Un’altra classe di PP riguarda lo sviluppo di soluzioni colorate in massa. RTP ha messo a punto una serie di PP stabilizzati agli UV in grado di raggiungere una corrispondenza cromatica al 100%. 

Dedicati ad applicazioni per interni auto, quali consolle dei poggiatesta, consolle e zona centrale, maniglie interne e predellini, presentano una ridotta deformazione, una bassa lucidità (2-3), resistenza ai graffi, robustezza meccanica e combinano proprietà strutturali e di armonia cromatica. Per gli esterni, RTP propone una gamma di VLFPP neri utilizzabili per componenti che richiedono una finitura leggermente rugosa unita a struttura, estetica e resistenza agli UV. Questi materiali a bassa deformazione eliminano l’esigenza di verniciare i pezzi e hanno un peso inferiore alle poliammidi caricate con fibra di vetro. Possono essere usati per produrre portapacchi, alloggiamenti degli specchietti, pedane e maniglie esterne.

discover more